Radioterapia: quando si manifesta la nausea?


Nausea e vomito insorgono in circa il 50% dei soggetti trattati con dosi standard di radiazioni sull’addome e si manifestano 1 o 2 ore dopo il trattamento.
I fattori differenzianti dipendono soprattutto dall’organismo, dalla quantità e dalla frequenza di radiazioni. I pazienti che ricevono una larga dose di radioterapia hanno un rischio maggiore di nausea e vomito rispetto a coloro che la ricevono in dosi frazionate.

Quando l’area del corpo irradiata include un’ampia parte dell’apparato digerente, in particolare dell’intestino tenue, la possibilità di nausea e vomito è maggiore. Nei pazienti trattati con radiazioni su tutto il corpo, come nei trapianti di midollo osseo, se non si è provveduto ad adottare un’adeguata strategia di prevenzione, nausea e vomito insorgono in una percentuale che raggiunge il 90% dei casi.
La combinazione di radioterapia e di chemioterapia inoltre aumenta la possibilità di nausea e vomito. Una delle terapie non farmacologiche più efficaci per prevenire la nausea da radioterapia si è rivelata essere l’acupressione con i bracciali P6 Nausea Control® Sea-Band®


◄ Torna indietro Vai alla pagina "Nausea da trattamento oncologico" ►